Paese:
Seleziona il tuo paese
Perché usare un purificatore d’aria anche se hai il condizionatore?
← Purificatore d'aria

Perché usare un purificatore d’aria se hai il condizionatore?

Un condizionatore d’aria può sostituire un purificatore d’aria? Oppure funzionano in maniera diversa? Scopri la differenza fra questi due prodotti.

Che funzioni svolgono i condizionatori?

Sono sicuri i condizionatori per la qualità dell’aria interna?

Come funzionano i purificatori d’aria?

  • I filtri HEPA
  • I filtri PCO

È consigliato usare un purificatore d’aria con un condizionatore?

Natede Basic: il purificatore d’aria naturale

Respira meglio e cambia il tuo modo vivere gli spazi interni

Che funzioni svolgono i condizionatori?

Nei periodi estivi, la maggior parte di noi fa utilizzo dei condizionatori d’aria, ovvero dei device che abbassano la temperatura dell’aria per garantire un ambiente più fresco negli spazi indoor.

Sono dei device che si occupano quindi esclusivamente di regolare da caldo a freddo il flusso d’aria all’interno di una stanza. Dunque la loro funzione principale si può identificare solo in questo “condizionamento” (da qui il nome) della temperatura dell’aria.

Ci sono ovviamente condizionatori d’aria che svolgono ulteriori funzioni più accurate e con una leggera attenzione nei confronti della qualità dell’aria emessa, ma hanno delle forti limitazioni e possono delle volte essere persino dannosi per i nostri ambienti interni.

Sono sicuri i condizionatori per la qualità dell’aria interna?

La risposta secca è: sì, generalmente i condizionatori d’aria sono sicuri. Ci sono però dei dettagli importanti di cui tener conto.

Alcuni condizionatori sono dotati di filtri dell’aria che hanno una funzione depurativa. È quindi facile pensare che non sia necessario l’acquisto di un purificatore d’aria, visto questo sistema integrato nel condizionatore.

Purtroppo non è così, per due principali motivi:

  • i filtri di cui sono dotati generalmente i condizionatori d’aria si limitano a bloccare polvere e inquinanti di grosse dimensioni, non occupandosi invece dei microrganismi e delle particelle di dimensioni minime che sfuggono facilmente alle maglie bloccanti di questi filtri
  • i sistemi di filtraggio dei condizionatori tendono a saturarsi rapidamente e quindi, invece che purificare, potrebbe divenire loro stessi degli ambienti di proliferazioni di batteri e germi pericolosi per la nostra salute. È bene quindi effettuare un continuo ricambio di filtri per essere sempre sicuri che almeno la minima parte di filtraggio dell’aria sia funzionante ed ottimale.

purificatore d'aria vs condizionatore

Quindi avere soltanto un condizionatore d’aria nel proprio spazio interno, non garantisce anche un’aria pulita ma, per lo meno, non rischia di peggiorare la qualità dell’aria interna se adeguatamente trattato.

Ma quindi come possiamo ottenere un’aria sana e pulita, non rinunciando al piacere dell’aria fresca del condizionatore?

La risposta è semplice: utilizzando un purificatore d’aria!

Come funzionano i purificatori d’aria?

Ma come funzionano i purificatori d’aria? Che tipologie esistono sul mercato? Quali alternative ci sono? Sono tutti uguali o purificano in maniera diversa?

Il mercato della purificazione dell’aria è suddiviso in due diverse tecnologie di purificazione: i filtri HEPA e il filtri PCO.

Due tecnologie che molto spesso vengono messe a confronto, ma che in realtà sono profondamente diverse.

I filtri HEPA

I filtri HEPA, ovvero High Efficiency Particulate Air, sono i purificatori più diffusi sul mercato e catturano l’aria facendola passare nelle loro maglie strette e fitte, catturando così un buon raggio di inquinanti. 

Sono molto efficaci contro polveri, peli e particolato, ma non riescono ad eliminare inquinanti come virus, batteri e COV (Composti Volatili Organici).

Solo una particolare categoria di purificatori d’aria HEPA sono in grado anche di avere una parziale efficacia contro questi ultimi inquinanti, e sono i filtri HEPA con carboni attivi. Però, la problematica dei carboni attivi è che tendono a saturare la loro capacità di purificazione molto in fretta e necessitano di un ricambio filtri continuo, con il rischio (se non cambiati in tempo) di diventare un vero e proprio terreno di proliferazione per inquinanti pericolosi come i batteri.

I filtri HEPA dunque come flusso di purificazione, possono essere definiti come una versione più efficiente dei condizionatori d’aria: ma come abbiamo visto, presentano degli svantaggi di efficacia e manutenzione.

I filtri PCO

I filtri PCO sono i filtri che utilizzano la tecnologia della Photocatalytic Oxidation, ovvero l’Ossidazione Fotocatalitica. È un innovativo processo di purificazione che non si limita a bloccare, ma elimina gli inquinanti attraverso una sicura ed efficace reazione chimica.

I filtri vengono ingegnerizzati (quindi generalmente ricoperti) di un nanomateriale che viene poi attivato dalla luce dei LED posti sotto di esso, riuscendo così a produrre questo microambiente all’interno del device che elimina virus, batteri, COV, muffe, odori e polvere.

La durata dei filtri PCO è notevolmente più lunga rispetto ai filtri HEPA, quindi rende la loro manutenzione molto agevole e delle volte persino irrisoria, perché alcune tecnologie permettono di avere un filtro che non esaurisce mai la sua efficacia.

filtro pco

È consigliato usare un purificatore d’aria con un condizionatore?

La risposta è: sì! È consigliato, perché l’azione di abbassamento della temperatura e l’azione di purificazione dell’aria non si annullano, ma anzi: sono complementari a garantire un ambiente fresco, rigenerante e piacevole!

Quale purificatore d’aria scegliere fra HEPA e PCO in questa situazione?

Abbiamo già visto le caratteristiche di entrambe le tecnologie, e quello che consigliamo noi di Vitesy è senza dubbi la tecnologia PCO!

Infatti i condizionatori hanno già dentro di essi dei filtri che filtrano parzialmente gli inquinanti più grandi, come polvere e inquinanti di grosse dimensioni.

Quello che manca all’aria che viene espulsa da questi device, è una rimozione degli inquinanti di dimensioni molecolari, come virus, batteri e COV.

La soluzione che vogliamo presentarti per prenderti cura del tuo ambiente è Natede Basic, il nostro nuovo purificatore naturale entry level!

natede basic purificatore d'aria naturale

Natede Basic: il purificatore d’aria naturale

Vitesy ha scelto di sfruttare la tecnologia PCO perché considerata l’alternativa più all’avanguardia ed ecosostenibile sul mercato

Infatti, la soluzione che noi proponiamo si chiama Natede Basic: un purificatore d’aria naturale capace di unire in un unico device 3 straordinari principi come Natura, Tecnologia e Design.

La creazione del nostro Natede Basic è partita da uno studio della Nasa, secondo il quale alcune tipologie di piante sono in grado di purificare l’aria grazie al loro substrato di coltivazione.

Nella tecnologia di Natede Basic, questo potere fitodepurativo delle piante è potenziato dal sistema PCO, ovvero grazie al processo di fotocatalisi

Grazie ad una particolare reazione chimica che avviene fra l’azione dei LED a banda visibile e il triossido di tungsteno (WO3) che riveste il filtro in ceramica, è possibile ottenere degli straordinari risultati, eliminando:

Questi risultati sono possibile perché la fotocatalisi è in grado di disgregare gli inquinanti a livello molecolare, scomponendoli in sostanze inermi ed innocue per il nostro organismo.

Inoltre, la nostra tipologia di filtro fotocatalitico è perenne, ovvero che non necessita di essere sostituito perché il triossido di tungsteno non esaurisce la sua efficacia.

Per assicurarsi un livello di purificazione sempre ottimale basterà semplicemente risciacquarlo sotto l’acqua una volta al mese per rimuovere eventuali impurità depositatesi.

Natede Basic è un purificatore d’aria dal design unico e minimale, adatto a qualsiasi spazio e contesto, che si prende cura della tua aria interna rendendola sicura e sana.

Respira meglio e cambia il tuo modo vivere gli spazi interni

Scopri subito i benefici di Natede Basic e tutte le sue caratteristiche, e scegli di vivere in maniera nuova e migliore il tuo tempo negli spazi che ami.

Spesso facciamo molta attenzione a ciò che mangiamo e ciò che beviamo, ma ci dimentichiamo dell’aria che respiriamo, dimenticandoci che compiamo più di 20000 respiri ogni giorno.

Perché se respiri meglio, vivi meglio!